L’ipoacusia può colpire chiunque a qualsiasi età.
La perdita dell’udito o ipoacusia è un processo lento e graduale, che varia da persona a persona e che può manifestarsi in modi e tempi differenti.
Più in generale i sintomi sono accomunati da una difficoltà nel sentire i suoni nelle diverse situazioni di ascolto, come ad esempio durante le conversazioni in ambienti rumorosi o di fronte a parole pronunciate a bassa voce o bisbigliate all’orecchio, al telefono o ascoltando la radio, la televisione o qualsiasi altra fonte o dispositivo sonoro.

Quali sono le cause dell’ipoacusia?

Le cause dei problemi di udito possono essere numerose, ma più in generale possiamo asserire che il calo uditivo è spesso associato all’avanzamento dell’età. In verità, diversi fattori influenzano la buona salute dell’udito:

  • esposizione prolungata a rumori forti e improvvisi;
  • fattori ereditari;
  • infezioni causate da batteri e virus;
  • otosclerosi che compromette la mobilità dei 3 ossicini presenti nell’orecchio medio, in particolare la staffa, l’abuso di farmaci ototossici (soprattutto antibiotici);
  • abuso di alcool e anche il fumo.

    Quali sono i sintomi più comuni dell’ipoacusia?

In generale, le persone che soffrono di perdita dell’udito possono verificare uno o tutti i seguenti sintomi:

  • Difficoltà nel comprendere le conversazioni quotidiane;
  • Una sensazione di poter ascoltare ma non capire;
  • Esigenza di alzare il volume della TV o della radio;
  • Chiedere agli altri di ripetere spesso;
  • Maggiore difficoltà a comunicare in situazioni rumorose come ristoranti, vivaci riunioni di famiglia, in auto o durante meeting di lavoro.

Se sospetti di avere una perdita uditiva, è importante chiedere immediatamente il parere di un professionista dell’udito qualificato. Il test dell’udito è semplice ed indolore.
Richiedi un controllo gratuito della tua capacità uditiva presso il nostro centro acustico o presso i centri assistenza.

Prevenire e gestire l’insorgere dell’ipoacusia è il primo passo per evitare eventuali danni futuri.

Leave a comment